Prev Next

Il discorso del Presidente Mattarella

NOVEMBRE 2015 VISITA DI STATO IN VIET NAM DEL PRESIDENTE MATTARELLA Il discorso del Presidente

.

In ricordo di Ettore Masina

Addio a Masina, già presidente dell'Associazione Italia Vietnam    

.

Investire in Viet Nam

E’ in distribuzione la nuova guida economica sul Vietnam, edita nell’agosto 2014.

.

ITALIA-VIET NAM. SAPERI, DIPLOMAZIA, COOPERAZIONE.

  UN VOLUME, SIGLATO DA IMPORTANTI AUTORI CHE RIPERCORRE LE TAPPE DI UN RAPPORTO ANTICO E FECONDO.  

.

IL DRAGO E LA FATA

IL DRAGO E LA FATA. POLITICHE E POETICHE NEL VIETNAM CONTEMPORANEO   UN NUOVO, APPASSIONANTE LIBRO CHE ESPLORA L’IMPONENETE PANORAMA STORICO E LETTERARIO DEL VIETNAM FRA TRADIZIONE E MODERNITÀ.  

.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Economia

VIET NAM, UN’OPPORTUNITA’ DI SVILUPPO PER LE AZIENDE ITALIANE IN ASIA

 
Pham Binh Minh - Ministro degli Affari degli Esteri vietnamita -, ha affermato che il Viet Nam ha sempre riconosciuto il ruolo dell’Italia all’interno dell’Europa ed è entusiasta di portare avanti le relazioni ed i rapporti di cooperazione con il Paese. È quanto ha detto durante la visita ad Ha Noi del Ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi di Sant’Agata, avvenuta lo scorso 29 febbraio. Minh  ha altresì messo in risalto la politica d’indipendenza vietnamita, la fiducia che il Paese ha in se stesso, la politica di diversificazione e di integrazione regionale ed internazionale che il Paese sta portando avanti. Il Ministro Terzi ha elogiato il successo vietnamita nella ripresa nazionale ed ha  dichiarato che l’Italia vuole rafforzare i legami con il Viet Nam che “gioca un ruolo fondamentale nel Sudest Asiatico e nell’ASEAN”; nella sua visione, i due Paesi, in un futuro prossimo, dovranno improntare le loro relazioni ad una partnership strategica, in particolar modo nel 2013, in occasione del quarantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche. “Il Governo italiano” - ha detto Terzi -, vuole promuovere un modello di integrazione per le aziende italiane in Asia, in linea con ciò che il gruppo Piaggio ha fatto negli ultimi tre anni.

Leggi tutto...

ITALIA-VIET NAM
LE RELAZIONI ECONOMICO-COMMERCIALI
 
 Guardiamo al Vietnam come a un Paese dalle opportunità di investimento uniche
che, con un ritmo di crescita pari al 6% annuo,
l'apertura all'economia di mercato, le riforme e piani di sviluppo varati,
può svolgere un ruolo di 'ponte'
per la conquista di un mercato di 600 milioni di consumatori, quello del Sud-est asiatico.
Giulio Terzi, Ministro degli Esteri
Il Viet Nam rappresenta, nel pano­rama asiatico, una delle più interes­santi occa­sioni di sviluppo e busi­ness per le aziende del nostro Paese interessate a intraprendere un pro­cesso di internazionalizzazione: fles­sibilità del mercato del lavoro, propen­sione al consumo, disponibilità tecno­logica avanzata, incentivi e agevola­zioni, non sono che alcune delle carat­teristiche che rendono questo mer­cato attraente per gli operatori italiani.
Se alcuni osser­vatori definiscono il Viet Nam quale “futuro punto nevral­gico delle relazioni internazio­nali”, le alte potenzialità del Paese, tuttavia, non sono ancora sufficientemente note agli imprenditori italiani, così come non sono noti  il suo originale percorso econo­mico e le sue dinamiche commerciali, in un contesto di vertiginoso svi­luppo.

Leggi tutto...

DAL PASSATO COLONIALE ALL’ERA DEL DOI MOI.
CENNI DI STORIA ECONOMICA[1]
Alla vigilia della colonizzazione francese, il Viet Nam non aveva ancora portato a compimento l’opera di integrazione economica della parte meridionale del paese, da poco annessa al territorio nazionale; con l’instaurarsi del regime coloniale il processo di unificazione delle strutture economiche risultò come cristallizzato e la successiva partizione forzata del paese, in seguito agli Accordi di Ginevra, non fece che rafforzare gli elementi di diversità fra le varie regioni, a fronte di un’unità territoriale, culturale e linguistica consolidata. Nel corso della dominazione coloniale, il volume degli scambi commerciali fra Nord e Sud venne ad assumere dimensioni assai mediocri rispetto al giro d’affari interregionale o internazionale; in altri termini, l’integrazione e la complementarità economica fra la parte settentrionale e la parte meridionale del paese, erano ancor lungi dall’essersi realizzate.

Leggi tutto...

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie Per maggiori informazioni Clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information